Sostegni alle imprese

Sezione promozione
Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio 2018
Home > Sostegni alle imprese > Aiuti all'innovazione delle PMI
Argomenti

Passa a...

Aiuti all'innovazione delle PMI

bando scaduto

Beneficiari

Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) in forma singola o associata in RTI, Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto), Consorzi e Società Consortili.
I raggruppamenti dovranno essere formati da almeno tre imprese
.
Le imprese devono esercitare, nel territorio della Regione Toscana, un'attività identificata come prevalente rientrante in uno dei seguenti Codici ATECO ISTAT 2007:

B - Estrazione di minerali da cave e miniere;
C - Attività manifatturiere, con le limitazioni per le divisioni 10, 11 e 12 previste dal POR FESR 2014-2020;
D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
E - Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
F - Costruzioni;
G - Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli, limitatamente al gruppo 45.2 e alla categoria 45.40.3;
H - Trasporto e magazzinaggio, ad esclusione delle categorie 49.39.01, 52.22.0 e 52.22.09;
J - Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione delle divisioni 58, 59 e 60 e della categoria 63.91;
M - Attività professionali, scientifiche e tecniche, ad esclusione delle categorie 71.11 e 73.11 e dei gruppi 74.2 e 74.3;
N - Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, ad esclusione delle categorie 77.21.02 e 77.22, della divisione 79 e del gruppo 82.3;
Q - Sanità e assistenza sociale, ad esclusione del gruppo 86.1;
S - Altre attività di servizi, ad esclusione della divisione 94 e della categoria 96.04.2.

Le Reti-Soggetto, i Consorzi e le Società Consortili sottostanno alla disciplina di impresa e pertanto devono essere già costituiti al momento della presentazione della domanda di aiuto.


Iniziative ammissibili

Il presente bando intende sostenere le attività di innovazione delle micro, piccole e medie imprese.

Può trattarsi di:
Innovazione di prodotto e innovazione di processo: prodotti, servizi e processi nuovi o significativamente migliorati rispetto a quelli precedentemente disponibili, in termini di caratteristiche tecniche e funzionali, prestazioni, facilità d'uso;
Innovazione organizzativa: mutamenti significativi nelle pratiche di gestione aziendale, nell'organizzazione del lavoro o nelle relazioni con l'esterno e nuove strategie di marketing che differiscono significativamente da quelle precedentemente implementate dall'impresa.
Le innovazioni introdotte non devono necessariamente consistere in prodotti, processi, pratiche, modalità organizzative o strategie nuove per il mercato; è sufficiente che risultino nuovi per l'impresa che li introduce.

L'output atteso deve essere la realizzazione di un prodotto/servizio/processo industrialmente utile. Saranno finanziati prioritariamente progetti di innovazione, legati alle priorità tecnologiche orizzontali indicate dalla "Strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialisation in Toscana": Ict e fotonica, fabbrica intelligente, chimica e nanotecnologia.

Idee progettuali
I soggetti che intendono partecipare al presente Bando devono preliminarmente presentare una proposta di Idea progettuale da realizzare sul territorio della Regione Toscana.

Progetti esecutivi
I soggetti, le cui proposte di Idee progettuali sono state ammesse alla seconda fase di valutazione, presentano un progetto esecutivo che deve illustrare, in particolare, le varie fasi del progetto, le modalità di realizzazione, finanziarie e gestionali dell'investimento e il programma di utilizzo dei risultati, che garantisca il pieno conseguimento degli obiettivi prefissati.


Spese ammissibili

Per gli aiuti all'innovazione a favore delle PMI:

  1. costi per l'ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti e altri attività immateriali;
  2. i costi di messa a disposizione di personale altamente qualificato da parte di un organismo di ricerca e diffusione della conoscenza o di una grande impresa che svolga attività di ricerca, sviluppo e innovazione in una funzione di nuova creazione nell'ambito dell'impresa beneficiaria e non sostituisca altro personale;
  3. i costi per i servizi di consulenza e di supporto all'innovazione, per i quali si fa riferimento alle Sezioni B1, B2 e B3 del "Catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le PMI toscane dell'industria, artigianato e servizi alla produzione" approvato con decreto n. 5576/2012, in fase di revisione; il catalogo aggiornato sarà disponibile per la presentazione della domanda di aiuto correlata al progetto esecutivo.

Per gli aiuti all'innovazione dei processi e dell'organizzazione:

  1. spese di personale: personale impiegato in attività di innovazione in possesso di adeguata qualificazione (laurea di tipo tecnico-scientifico o esperienza almeno quinquennale nel campo dell'innovazione); si tratta di personale dipendente impiegato a tempo indeterminato o determinato, presso le strutture dell'impresa finanziata con sede di lavoro stabile sul territorio toscano;
  2. costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di innovazione. Se gli strumenti e le attrezzature non sono utilizzati per tutto il loro ciclo di vita per il progetto di innovazione, sono considerati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto di innovazione, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile;
  3. costi dei fabbricati e dei terreni nella misura e per la durata in cui sono utilizzati per il progetto di innovazione, nel limite complessivo massimo del 30% del costo totale di progetto. Le spese per i terreni non possono superare il 10% del costo totale di progetto;
  4. costi della ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato; I presenti costi sono ammessi nel limite complessivo massimo del 35% del costo totale di progetto;
  5. spese generali supplementari da computare forfettariamente nel limite del 15% dei costi diretti ammissibili per il personale;
  6. altri costi di esercizio, inclusi i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, sostenuti direttamente per effetto dell'attività di ricerca, nel limite del 15% del costo totale di progetto.

Nel caso di micro e piccole imprese, i costi delle prestazioni (senza che rilevi, a tal proposito, la forma contrattuale del rapporto) fornite dal titolare di ditta individuale o dagli amministratori e soci dell'impresa, possono essere rendicontati tra le spese di personale e per la parte di effettivo impiego nel progetto oggetto dell'agevolazione se il/i titolare/i, amministratore/i e soci sono in possesso di adeguata qualificazione (laurea di tipo tecnico-scientifico o esperienza almeno quinquennale nel campo dell'innovazione), se il/i titolare/i, amministratore/i e soci svolgono attività riconducibili ad attività descritte in uno specifico obiettivo tecnico illustrato nel progetto, fino ad un massimo del 10% del costo complessivo del progetto.


Tipologia ed intensità delle agevolazioni

Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento sono concessi nella forma del contributo in conto capitale nella misura del 30% della spesa ritenuta ammissibile a seguito di valutazione.

Il costo totale ammissibile del progetto presentato a valere sul presente bando non deve essere inferiore a € 50.000,00 e superiore a € 500.000,00, pena l'inammissibilità.


Erogazione dei contributi

L'erogazione dell'aiuto avviene su istanza del beneficiario a titolo di anticipo o di saldo.
Nel caso di progetti presentati da raggruppamenti di imprese, i pagamenti sono effettuati alle singole imprese aderenti al raggruppamento, ciascuno per la propria quota parte.

E' facoltà dei beneficiari richiedere un anticipo pari al 70% del contributo totale del progetto. L'anticipo è subordinato alla presentazione contestuale di una garanzia fideiussoria. Tale garanzia deve coprire capitale, interessi e interessi di mora, ove previsti, oltre alle spese della procedura di recupero, e coprire un arco temporale di un ulteriore semestre rispetto al termine previsto per la conclusione delle verifiche.

Domanda a saldo
I progetti di investimento dovranno concludersi entro 12 mesi dal primo giorno del mese successivo alla data di firma del contratto, eventualmente prorogabili di ulteriori 2 mesi, indipendentemente dalla data di avvio del progetto. Entro 45 giorni dalla conclusione, il beneficiario deve presentare la domanda di pagamento a titolo di saldo. La domanda deve essere presentata alla Regione Toscana/Organismo Intermedio unitamente alla rendicontazione dei costi totali sostenuti.


La domanda di agevolazione

La domanda di prima fase deve essere redatta esclusivamente on-line accedendo al sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A. al sito Internet https://sviluppo.toscana.it/innovazionepmi2014 e si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A., a partire dalle ore 9.00 del 1.10.2014 e fino alle ore 17.00 del 12.11.2014.

La domanda di seconda fase deve essere redatta esclusivamente on-line accedendo al sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A. al sito Internet https://sviluppo.toscana.it/innovazionepmi2014 e si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A., a partire dalle ore 9.00 del primo giorno fino alle ore 17.00 dell'ultimo giorno che sarà indicato nel decreto che approverà l'elenco delle domande di prima fase ammesse alla seconda fase.

Gli indirizzi di posta elettronica per eventuali informazioni inerenti i contenuti del bando sono i seguenti:
bandirsi@regione.toscana.it
e
innovazionepmi2014@sviluppo.toscana.it.
Si precisa che per il supporto alla compilazione e per le problematiche di tipo tecnico l'indirizzo di posta elettronica è supportobandirsi2014@sviluppo.toscana.it; sarà, inoltre, attiva una chat on-line dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle 17.00.

Il presente avviso, con i relativi allegati, è reperibile sul sito Internet della Regione Toscana.


Ufficio Studi, Statistica e Servizi alle Imprese

Per informazioni:

via del Romito 71
tel. 0574/612763
fax 0574/612834

email: studi@po.camcom.it

Orario di apertura al pubblico:

Lunedì-venerdì ore 8.30/12.30
Lunedì e giovedì ore 14.30/15.40
Sabato chiuso

Normativa

D.Dirig. n. 3389 30/07/2014    (BURT n. 32 - suppl. n. 95 - 13/08/2014)
D.Dirig. n. 4653 23/10/2014   

Aggiornamenti

19-04-2019
Aggiornata pagina "Servizio nuove imprese"

08-04-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B - Anno 2019

22-03-2019
Contributi per realizzazione percorsi per competenze trasversali e l'orientamento (ex alternanza scuola-lavoro)

20-03-2019
Bando Inail ISI 2018 - Finanziamenti per salute e sicurezza sul lavoro

05-03-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B Anno 2018 - Pubblicata graduatoria imprese ammesse

20-07-2018
Contributi digitali I4.0 - Misura B - Anno 2018

Esprimi il tuo giudizio
Aiutaci a migliorare questa pagina

Esprimi un giudizio sul sito


Aiutaci a migliorare!
La votazione Ť anonima e non richiede registrazione.

Giudizio positivo
Giudizio sufficiente ma pagina migliorabile
Giudizio negativo

Per il seguente motivo (selezionare solo un'opzione):