Sostegni alle imprese

Sezione promozione
Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio 2018
Home > Sostegni alle imprese > Fondo di garanzia per investimenti delle PMI
Argomenti

Passa a...

Fondo di garanzia - Sostegno agli investimenti delle PMI dei settori industria, artigianato, cooperazione e altri settori

bando scaduto

Beneficiari

Possono presentare domanda le micro, piccole e medie imprese, anche di nuova costituzione, regolarmente iscritte al registro delle imprese, che esercitano un’attività economica identificata come prevalente, nell’unità locale che realizza il programma di investimento, rientrante nelle seguenti sezioni della Classificazione delle attività economiche ATECO Istat 2007:

B – Estrazione di minerali da cave e miniere;
C - Attività manifatturiere;
D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
F – Costruzioni;
G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio, limitatamente al gruppo 45.2 e alla categoria 45.40.3;
H – Trasporto e magazzinaggio, ad esclusione delle categorie 49.39.01, 52.22.0 e 52.22.09;
J – Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione delle divisioni 59 e 60 e dei gruppi 58.11, 58.13, 58.14, 58.21 e 63.91;
M – Attività professionali, scientifiche e tecniche, ad esclusione dei gruppi 71.11, 73.11, 74.1, 74.3 e delle categorie 74.20.11, 74.20.12, 74.20.19 e 74.20.2;
N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese limitatamente alle divisioni 77.3, 81 e 82 (ad esclusione del gruppo 82.3);
Q – Sanità e assistenza sociale ad esclusione del gruppo 86.1;
S – Altre attività di servizi, limitatamente alle classi 96.01 e 96.02.

Per imprese di nuova costituzione si intendono le imprese costituite da non oltre 24 mesi dalla data di presentazione della domanda di garanzia.
Per data di costituzione si intende la data di iscrizione alla Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura.


Iniziative ammissibili

Sono ammissibili i programmi di investimento da effettuare esclusivamente nel territorio della Toscana successivamente alla data di presentazione della richiesta di garanzia finalizzati a:

Sviluppo aziendale
Il fondo supporta programmi di investimento in attivi materiali e/o immateriali per installare un nuovo stabilimento, ampliare uno stabilimento esistente, diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente.

Acquisizione di attivi di uno stabilimento
se connesso all’attuazione di un piano di crescita dell’attività dell’impresa e se sono soddisfatte le seguenti condizioni:
- lo stabilimento è stato chiuso o sarebbe stato chiuso se non fosse stato acquistato;
- gli attivi vengono acquistati da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente; questa condizione non si applica qualora una piccola impresa sia rilevata da un membro della famiglia del proprietario originario, o da un dipendente;
- l’operazione avviene a condizioni di mercato.

Gli investimenti devono essere integralmente effettuati e pagati dalla imprese beneficiarie entro 24 mesi dalla data di erogazione del finanziamento garantito, e comunque entro e non oltre il 31.03.2017.


Spese ammissibili

Sono ammissibili alle agevolazioni i programmi di investimento realizzati in Toscana relativi a:

A. Attivi materiali. Si tratta di attivi relativi a:

  • terreni, nel limite del 10% della spesa ammissibile totale purchè sussista un nesso diretto fra l'acquisto del terreno e gli obiettivi dell'operazione oggetto di agevolazione;
  • impianti industriali;
  • macchinari e attrezzature varie, esclusi gli arredi. È ammissibile anche l'acquisto di materiale usato se sono soddisfatte le condizioni prescritte dal bando;
  • edifici esistenti, appartenenti esclusivamente alle categorie catastali A/10, C/1, C/2, C/3, D/1 e D/7, purché siano soddisfatte le condizioni prescritte dal bando. L’immobile oggetto del programma d’investimento al momento della conclusione dell'investimento deve risultare di proprietà dell’impresa beneficiaria, nonché agibile ed operativo;
  • edifici di nuova costruzione (incluse le spese relative a oneri di urbanizzazione, purché sostenuti successivamente alla presentazione della domanda, e collaudi di legge), appartenenti esclusivamente alle categorie catastali A/10, C/1, C/2, C/3, D/1 e D/7.
    L’immobile oggetto del programma d’investimento al momento della conclusione dell'investimento deve risultare di proprietà dell’impresa beneficiaria, agibile ed operativo;
  • operare murarie e assimilate; sono ammissibili esclusivamente:
    1. lavori edili, se funzionalmente correlati agli investimenti in macchinari e/o attrezzature;
    2. la realizzazione di impiantistica aziendale.
    Tali spese sono ammissibili solo se iscritte nel bilancio fra le immobilizzazioni materiali o immateriali sulla base di quanto disposto dai principi contabili;
  • mezzi e attrezzature di trasporto di persone e di merci strettamente necessari allo svolgimento dell’attività. Lo standard ambientale non potrà in ogni caso essere inferiore ad euro 5.

B. Attivi immateriali
Si tratta di attivi diversi da attivi materiali o finanziari che consistono in diritti di brevetto, licenze, know how o altre forme di proprietà intellettuale.

Gli investimenti devono essere funzionalmente collegati all’attività economica ammissibile e regolarmente iscritti in bilancio.


Tipologia ed intensità delle agevolazioni

La garanzia è rilasciata ai soggetti finanziatori per un importo massimo garantito non superiore all’80% dell’importo di ciascun finanziamento.

Nei limiti di tale importo, la garanzia rilasciata copre fino all’80% dell’ammontare dell’esposizione - per capitale e interessi contrattuali e di mora – del soggetto finanziatore nei confronti dell’impresa beneficiaria, calcolato al sessantesimo giorno successivo alla data di intimazione di pagamento.
L’importo massimo garantito è pari a € 1.600.000,00 per singola impresa e pari a € 2.400.000,00 per gruppi di imprese.
In ogni caso l’importo massimo garantito in favore di una singola impresa o gruppo non potrà mai superare il 25% dell’importo del fondo di garanzia al netto delle perdite liquidate.

La garanzia è rilasciata senza oneri o spese a carico dell’impresa richiedente l’agevolazione.
Sui finanziamenti garantiti il soggetto finanziatore non può acquisire garanzie reali, bancarie e assicurative.

Sono ammesse le seguenti operazioni finanziarie finalizzate a investimenti: finanziamenti, operazioni di locazione finanziaria, emissione di obbligazioni ("mini bond").

L’importo massimo per singolo finanziamento è pari a € 2.000.000,00.
I finanziamenti di importo pari o inferiore a € 25.000,00 sono considerati “operazioni di microcredito”.
I finanziamenti devono avere una durata non inferiore a 60 mesi e non superiore a 120 mesi, comprensivo di un eventuale preammortamento massimo di 12 mesi. La durata del finanziamento può essere incrementata di un eventuale preammortamento tecnico massimo di 6 mesi.


Erogazione dei contributi

Le richieste di garanzia sono deliberate da Fidi Toscana, in qualità di capofila del soggetto gestore in nome e per conto della Regione Toscana, entro due mesi dalla data di presentazione della domanda, salvo eventuali sospensioni per richieste di integrazione, secondo l'ordine cronologico di ricezione e comunque entro il 31.12.2015.

Il soggetto gestore provvede, nei 15 giorni successivi, all'invio, tramite Posta elettronica Certificata (P.E.C.) della delibera di concessione della garanzia alle imprese ammesse o a comunicare l'esito negativo motivato alle imprese non ammesse. Entro lo stesso termine il soggetto gestore provvede all'invio, tramite PEC o fax, della delibera di concessione della garanzia ai soggetti finanziatori.

I soggetti finanziatori devono adottare e comunicare la delibera di concessione del finanziamento entro tre mesi dalla delibera di concessione della garanzia del soggetto gestore o, in caso di controgaranzia del Fondo di garanzia per le PMI di cui alla L. 662/1996, entro tre mesi dalla data della delibera del Comitato.


La domanda di agevolazione

La richiesta di garanzia può essere presentata a partire dalle ore 9.00 del 01.09.2014 e fino al 30.09.2015 esclusivamente tramite il canale on-line accedendo al sistema gestionale disponibile sul sito Internet http://www.toscanamuove.it.
Per accedere al servizio messo a disposizione da Toscana Muove i Soggetti beneficiari devono richiedere l'assegnazione di un account all'indirizzo www.toscanamuove.it.

La garanzia deve essere richiesta per operazioni non ancora deliberate dai soggetti finanziatori.

L'elenco dei soggetti finanziatori è disponibile sul sito http://www.toscanamuove.it

Informazioni relative al bando e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica: info@toscanamuove.it o al numero verde 800327723.


Ufficio Studi, Statistica e Servizi alle Imprese

Per informazioni:

via del Romito 71
tel. 0574/612763
fax 0574/612834

email: studi@po.camcom.it

Orario di apertura al pubblico:

Lunedì-venerdì ore 8.30/12.30
Lunedì e giovedì ore 14.30/15.40
Sabato chiuso

Normativa

D.Dirig. n. 3270 16/07/2014
   (BURT n. 31 06/08/2014)

Aggiornamenti

19-09-2019
Contributi a favore di imprese/soggetti REA per la realizzazione di percorsi formativi e/o di stage per l’orientamento al lavoro e alle professioni

19-04-2019
Aggiornata pagina "Servizio nuove imprese"

08-04-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B - Anno 2019

22-03-2019
Contributi per realizzazione percorsi per competenze trasversali e l'orientamento (ex alternanza scuola-lavoro)

20-03-2019
Bando Inail ISI 2018 - Finanziamenti per salute e sicurezza sul lavoro

05-03-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B Anno 2018 - Pubblicata graduatoria imprese ammesse

Esprimi il tuo giudizio
Aiutaci a migliorare questa pagina

Esprimi un giudizio sul sito


Aiutaci a migliorare!
La votazione Ť anonima e non richiede registrazione.

Giudizio positivo
Giudizio sufficiente ma pagina migliorabile
Giudizio negativo

Per il seguente motivo (selezionare solo un'opzione):