Sostegni alle imprese

Sezione promozione
Ultimo aggiornamento: 04 Luglio 2017
Home > Sostegni alle imprese > Sostegno a imprese femminili e lavoratrici autonome per l'accesso al credito
Argomenti

Passa a...

Sostegno alle imprese femminili e alle lavoratrici autonome per l'accesso al credito

bando scaduto

Beneficiari

Piccole e medie imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome, comprese le libere professioniste.

Per impresa a prevalente partecipazione femminile si intende:

  • l'impresa individuale in cui il titolare è una donna;
  • la società di persone nella quale la maggioranza numerica di donne non sia inferiore al 60% dei soci;
  • la società di capitali dove le quote di partecipazione al capitale siano per almeno i 2/3 di proprietà di donne e gli organi di amministrazione costituiti per almeno i 2/3 da donne;
  • le cooperative nelle quali la maggioranza numerica di donne non sia inferiore al 60% dei soci.

Le PMI e le lavoratrici autonome possono operare in qualsiasi settore.


Iniziative ammissibili

Le banche e gli intermediari finanziari aderenti al Protocollo d'Intesa sottoscritto tra il Dipartimento Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dello Sviluppo Economico, le Associazioni di Categoria e l'Abi, costituiscono uno specifico plafond finanziario che può essere utilizzato per la concessione di finanziamenti in relazione alle seguenti tre linee di intervento:

  • "Investiamo nelle donne" - finanziamenti finalizzati a realizzare nuovi investimenti, materiali o immateriali, per lo sviluppo dell'attività di impresa ovvero della libera professione;
  • "Donne in start-up" - finanziamenti finalizzati a favorire la costituzione di nuove imprese a prevalente partecipazione femminile ovvero l'avvio della libera professione;
  • "Donne in ripresa" - finanziamenti finalizzati a favorire la ripresa delle PMI e delle lavoratrici autonome che, per effetto della crisi, attraversano una momentanea situazione di difficoltà.

Tipologia ed intensità delle agevolazioni

I finanziamenti sono concessi dagli Intermediari finanziari a condizioni competitive rispetto alla normale offerta in relazione ad operazioni simili e con lo stesso grado di rischio.

I finanziamenti possono beneficiare della garanzia della Sezione speciale "Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità" del Fondo di garanzia per le PMI in favore delle imprese a prevalente partecipazione femminile o delle eventuali garanzie, pubbliche o private, che gli Intermediari finanziari riterranno utile acquisire.

Il rimborso del capitale dei finanziamenti può essere sospeso, per un periodo fino a 12 mesi, nei seguenti casi:

  • Maternità dell'imprenditrice o della lavoratrice autonoma;
  • Grave malattia dell'imprenditrice o della lavoratrice autonoma, ovvero del suo coniuge, o convivente, o dei figli anche adottivi;
  • Malattia invalidante di un genitore o di un parente o affini entro il terzo grado conviventi dell'imprenditrice o della lavoratrice autonoma.

La facilitazione di cui sopra non si applica alle imprenditrici socie di società di persone e di capitali a meno che queste ultime svolgano funzioni di natura gestionale fondamentali per la normale attività d'impresa in relazione alla dimensione aziendale e alla presenza di altri soci amministratori che possano eventualmente svolgere temporaneamente le medesime funzioni.
Per le cooperative, la facilitazione si applica alle socie amministratrici se non ci sono altri soci amministratori che possono svolgere temporaneamente le medesime funzioni.


Erogazione dei contributi

Ai fini della valutazione della concessione dei finanziamenti gli Intermediari finanziari valutano l'eventuale prenotazione della garanzia della Sezione speciale "Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità" del Fondo di garanzia per le PMI e assicurano priorità di trattamento della richiesta.

Nell'effettuare l'istruttoria gli Intermediari finanziari si attengono ai principi di sana e prudente gestione, nel rispetto delle proprie procedure e ferma restando la loro autonoma valutazione.


La domanda di agevolazione

Le domande di finanziamento possono essere presentate entro il termine del 31 dicembre 2015 fissato quale termine di validità del Protocollo.

Elenco Banche aderenti

Per ulteriori informazioni e scaricare la documentazione consultare il sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità.


Ufficio Studi, Statistica e Servizi alle Imprese

Per informazioni:

via del Romito 71
tel. 0574/612763
fax 0574/612834

email: studi@po.camcom.it

Orario di apertura al pubblico:

Lunedì-venerdì ore 8.30/12.30
Lunedì e giovedì ore 14.30/15.40
Sabato chiuso

Normativa

Protocollo d'Intesa del 04/06/2014

Aggiornamenti

19-09-2019
Contributi a favore di imprese/soggetti REA per la realizzazione di percorsi formativi e/o di stage per l’orientamento al lavoro e alle professioni

19-04-2019
Aggiornata pagina "Servizio nuove imprese"

08-04-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B - Anno 2019

22-03-2019
Contributi per realizzazione percorsi per competenze trasversali e l'orientamento (ex alternanza scuola-lavoro)

20-03-2019
Bando Inail ISI 2018 - Finanziamenti per salute e sicurezza sul lavoro

05-03-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B Anno 2018 - Pubblicata graduatoria imprese ammesse

Esprimi il tuo giudizio
Aiutaci a migliorare questa pagina

Esprimi un giudizio sul sito


Aiutaci a migliorare!
La votazione Ť anonima e non richiede registrazione.

Giudizio positivo
Giudizio sufficiente ma pagina migliorabile
Giudizio negativo

Per il seguente motivo (selezionare solo un'opzione):