Sostegni alle imprese

Sezione promozione
Ultimo aggiornamento: 15 Gennaio 2018
Home > Sostegni alle imprese > Agevolazioni per il subentro in agricoltura
Argomenti

Passa a...

Agevolazioni per il subentro in agricoltura

bando scaduto

Beneficiari

Giovani imprenditori agricoli , anche organizzati in forma societaria, che intendono subentrare nella conduzione di un'azienda e che presentino un progetto per lo sviluppo o il consolidamento dell'azienda oggetto del subentro.
Per usufruire delle agevolazioni il giovane imprenditore agricolo in caso di ditta individuale o la maggiorenza assoluta e numerica e delle quote di partecipazione dei soci in caso di società (di persone, di capitali o cooperative, anche a scopo consortile), devono possedere i seuenti requisiti:

  1. età compresa tra i 18 ed i 39 anni al momento di spedizione della domanda
  2. residenza nel territorio nazionale

Il soggetto subentrante, sia in caso di ditta individuale che di società, deve possedere la qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP), ai sensi del D.Lgs. n. 99 del 29 marzo 2004 e successive modificazioni e integrazioni. Tale qualifica, se non presente alla data di spedizione della domanda, deve sussistere al momento della delibera di ammissione alle agevolazioni.
Inoltre, le società subentranti devono essere amministrate da un giovane imprenditore agricolo.

L'attività d'impresa prevista nel progetto agevolato deve essere svolta per un periodo minimo di cinque anni a decorrere dalla data di inizio effettivo dell'attività d'impresa. Per un analogo periodo di tempo deve essere mantenuta la localizzazione dell'iniziativa (sede legale, amministrativa e operativa) nel territorio nazionale.

La domanda di ammissione alle agevolazioni può essere presentata anche a subentro avvenuto da non più di 12 mesi rispetto alla data di spedizione della stessa, ovvero, nel caso di subentro mortis causa al conduttore uscente, purchè il progetto sia spedito nei sei mesi successivi al decesso.

In ogni caso il cedente deve avere partita IVA e il legittimo possesso dell'azienda almeno da due anni al momento della presentazione della domanda, o nei due anni precedenti il subentro se questo è avvenuto prima della presentazione della domanda.

Nel caso invece in cui il subentro non sia ancora avvenuto, al momento della presentazione della domanda, il soggetto richiedente deve subentrare entro tre mesi dalla data della deliberazione di ammissione alle agevolazioni.

Le misure incentivanti sono applicabili a tutto il territorio nazionale nel rispetto di quanto previsto dalla normativa comunitaria in materia di Aiuti di Stato per il settore agricolo e per quello della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (art. 2 comma 2-quater della Legge 22 dicembre 2008 n. 201).


Iniziative ammissibili

Possono essere finanziati i progetti per lo sviluppo e il consolidamento di iniziative nei settori della produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

I progetti devono perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi:

  • riduzione dei costi di produzione;
  • miglioramento e riconversione della produzione;
  • miglioramento della qualità;
  • tutela e miglioramento dell'ambiente naturale o delle condizioni di igiene o del benessere degli animali.

Sono esclusi i progetti che prevedono investimenti di mera sostituzione di beni preesistenti.
L'investimento complessivo non può superare 1.032.000 euro, IVA esclusa.


Spese ammissibili

Aiuti agli investimenti

  1. studio di fattibilità, comprensivo dell'analisi di mercato;
  2. opere agronomiche e di miglioramento fondiario;
  3. opere edilizie da acquistare o da eseguire ;
  4. oneri per il rilascio della concessione edilizia;
  5. allacciamenti, impianti, macchinari ed attrezzature;
  6. servizi di progettazione;
  7. beni pluriennali.

I beni di investimento agevolabili devono essere nuovi di fabbrica e acquistati successivamente alla data di delibera da parte di ISMEA di ammissione alle agevolazioni.
I beni oggetto delle agevolazioni devono essere vincolati all'esercizio dell'attività finanziata per un periodo minimo di cinque anni decorrente dalla data di inizio effettivo dell'attività d'impresa e, comunque, fino all'estinzione del mutuo.

Aiuti per l'assistenza tecnica

  1. istruzione e formazione;
  2. prestazione di servizi di gestione aziendale e di servizi ausiliari;
  3. organizzazione e partecipazione a concorsi, mostre e fiere;

Tipologia e intensità delle agevolazioni

AIUTI AGLI INVESTIMENTI

Le agevolazioni finanziarie per gli investimenti consistono in contributi a fondo perduto e mutui a tasso agevolato concessi entro i limiti stabiliti dalla normativa comunitaria:

Nel caso di investimenti nel settore agricolo l'intensità lorda dell'aiuto non può superare:

  1. il 50% degli investimenti ammissibili nelle zone svantaggiate o nelle zone di cui all'art. 36 lettera a), punti i), ii) e iii) del regolamento (CE) n. 1698/2005;
  2. il 40% dei costi ammissibili nelle altre regioni;.
  3. il 60% degli investimenti ammissibili nelle zone svantaggiate o nelle zone di cui all'art. 36 lettera a), punti i), ii) e iii) del regolamento (CE) n. 1698/2005, e il 50% nelle altre regioni, nel caso degli investimenti realizzati da giovani agricoltori entro cinque anni dall'insediamento.

L'importo globale degli aiuti concessi ad ogni singola impresa non può comunque superare i 400.000 euro erogati su un qualsiasi periodo di tre esercizi o i 500.000 euro se l'azienda si trova in una zona svantaggiata o nelle zone di cui all'art. 36 lettera a), punti i), ii) e iii) del regolamento (CE) n. 1698/2005.

Nel caso di investimenti nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, l'intensità lorda dell'aiuto non può superare:

  1. il 50% degli investimenti ammissibili nelle regioni ammesse a beneficiare di aiuti ai sensi dell'art. 87,3,a) del Trattato CE;
  2. il 40% dei costi ammissibili nelle altre regioni.

AIUTI PER L'ASSISTENZA TECNICA

Le agevolazioni consistono in contributi a fondo perduto e sono erogate fino ad un massimo del 100% delle spese ammissibili.
Gli aiuti saranno erogati sotto forma di servizi agevolati e non comporteranno pagamenti diretti ai produttori.

PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO

E' concesso altresì un contributo a fondo perduto quale premio di primo insediamento pari a euro 25.000.
L'erogazione del premio di primo insediamento a favore dei giovani imprenditori agricoli viene effettuata da ISMEA al completamento del programma di investimenti ammesso alle agevolazioni, a condizione che l'attività agevolata sia stata avviata, che il beneficiario o tutti i soci della società beneficiaria siano in possesso della qualifica di I.A.P. e che nessuno di essi abbia precedentemente ottenuto altro premio di primo insediamento.


Erogazione dei contributi

Il procedimento di valutazione della domanda si conclude entro il termine di sei mesi dalla data di ricevimento della stessa o della documentazione integrativa richiesta.
In caso di esito positivo viene deliberata l'ammissione alle agevolazioni e si procede alla stipula del contratto di concessione delle agevolazioni che disciplina i termini e le condizioni per l'attuazione dell'iniziativa agevolata.
Le agevolazioni finanziarie per gli investimenti sono erogate da ISMEA secondo le modalità stabilite nel contratto di concessione delle agevolazioni.
La società beneficiaria, o il beneficiario in caso di ditta individuale, successivamente alla stipula del contratto, può rendicontare le spese effettuate per stati di avanzamento lavori e chiedere l'erogazione delle agevolazioni corrispondenti.
L'erogazione delle agevolazioni avviene, normalmente, entro il termine di 90 giorni dalla presentazione della documentazione completa.
La realizzazione del programma di investimenti deve essere completata e rendicontata entro il termine previsto dal contratto di concessione delle agevolazioni.


La domanda di agevolazione

La domanda di ammissione alle agevolazioni deve essere inviata tramite raccomandata A.R. a:

ISMEA - Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare
Via Nomentana, 183
00161 - Roma


I modelli della domanda, delle dichiarazioni e dello studio di fattibilità sono disponibili sul sito www. ismea.it


Ufficio Studi, Statistica e Servizi alle Imprese

Per informazioni:

via del Romito 71
tel. 0574/612763
fax 0574/612834

email: studi@po.camcom.it

Orario di apertura al pubblico:

Lunedì - venerdì ore 8.30/12.30
Lunedì e giovedì ore 14.30/15.40
Sabato chiuso

Normativa

L. 201 del 22/12/2008
D.Lgs. 185 del 21/04/2000
Freccia Regolamento attuativo

Aggiornamenti

19-09-2019
Contributi a favore di imprese/soggetti REA per la realizzazione di percorsi formativi e/o di stage per l’orientamento al lavoro e alle professioni

19-04-2019
Aggiornata pagina "Servizio nuove imprese"

08-04-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B - Anno 2019

22-03-2019
Contributi per realizzazione percorsi per competenze trasversali e l'orientamento (ex alternanza scuola-lavoro)

20-03-2019
Bando Inail ISI 2018 - Finanziamenti per salute e sicurezza sul lavoro

05-03-2019
Contributi digitali I4.0 - Misura B Anno 2018 - Pubblicata graduatoria imprese ammesse

Esprimi il tuo giudizio
Aiutaci a migliorare questa pagina

Esprimi un giudizio sul sito


Aiutaci a migliorare!
La votazione Ť anonima e non richiede registrazione.

Giudizio positivo
Giudizio sufficiente ma pagina migliorabile
Giudizio negativo

Per il seguente motivo (selezionare solo un'opzione):